Show Buttons
Share On Facebook
Share On Twitter
Share On Google Plus
Share On Linkdin
Share On Pinterest
Hide Buttons

NEW YORK

Posted by on / 0 Comments

2_optEbbene sì un salto a New York di una settimana, approfittiamo di una buona tariffa e della prenotazione in un buon alberghetto. New York tutta da vedere dalla terrazza dell’ Empire State Building, ai Grandi magazzini della 5a strada. Dalla pulita e raffinata East Side, il palazzo dell’O.N.U., le residenze lussuose, alla sporca West Side dove fu ambientata la famosa Story, il bassofondo portuale dei negozi a buon mercato del Triestino e Romano. Poi il Central Park con i più stravaganti personaggi in passerella il Lincoln Centre, il Guggenheim Museum, il Ferry per la Statua della Libertà tutta ripulita, per cogliere al ritorno il profilo di Manhattan come appariva a chi arrivava in piroscafo e il quartiere degli artisti il Greenwich Village, intorno a Washington Square. Poi a sera Broadway zampillante di luci, brulicante della più eterogenea umanità mai incontrata. Nei suoi teatri andremo a trascorrere alcune serate per gustare un po’ di quel mondo del palcoscenico da dove hanno preso il volo le più famose commedie musicali. Se dopo le vertigini notturne desidereremo dimensioni più umane ci attendono Chinatown e Little Italy. La prima costellata di negozi e ristorantini cinesi la seconda ricca di prodotti spacciati per tipici italiani dove sembra che mozzarella e olio d’oliva siano i temi dominanti della nostra cultura. Una corsa al Rockfeller Center e un salto a WallStreet, il tempio mondiale della finanza. L’ultimo rosso tramonto su Manhattan ci vede ripartire dal JFK Airport. Sì, credo proprio che ne valga la pena.